Riflessioni
Privilegiate sempre la logica dell’essere rispetto a quella dell’avere E-mail

OMELIA DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI

Parco di Bresso 
Domenica, 3 giugno 2012 
Solennità della Santissima Trinità

 

Venerati Fratelli,
Illustri Autorità,
Cari fratelli e sorelle!

E’ un grande momento di gioia e di comunione quello che viviamo questa mattina, celebrando il Sacrificio eucaristico. Una grande assemblea, riunita con il Successore di Pietro, formata da fedeli provenienti da molte nazioni. Essa offre un’immagine espressiva della Chiesa, una e universale, fondata da Cristo e frutto di quella missione, che, come abbiamo ascoltato nel Vangelo, Gesù ha affidato ai suoi Apostoli: andare e fare discepoli tutti i popoli, «battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo» (Mt 28,18-19). ....

Clicca qui per l'omelia.

 

 
"Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione" PDF Stampa E-mail

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

"Cari fratelli e sorelle,
all’avvicinarsi della Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali 2012, desidero condividere con voi alcune riflessioni su un aspetto del processo umano della comunicazione che a volte è dimenticato, pur essendo molto importante, e che oggi appare particolarmente necessario richiamare. Si tratta del rapporto tra silenzio e parola: due momenti della comunicazione che devono equilibrarsi, succedersi e integrarsi per ottenere un autentico dialogo e una profonda vicinanza tra le persone. Quando parola e silenzio si escludono a vicenda, la comunicazione si deteriora, o perché provoca un certo stordimento, o perché, al contrario, crea un clima di freddezza; quando, invece, si integrano reciprocamente, la comunicazione acquista valore e significato......"
.........................................
 
Il Papa: «Famiglie non siete sole, Gesù vi sostiene» PDF Stampa E-mail

Dall'Avvenire online del 06 aprile 2012

E’ un tempo difficile. Dove «la situazione di molte famiglie è aggravata dalla precarietà del lavoro e dalle altre conseguenze negative provocate dalla crisi economica». Ma, tanto più per questo, un tempo in cui «il cammino della Via Crucis, che abbiamo spiritualmente ripercorso questa sera, è un invito per tutti noi, e specialmente per le famiglie, a contemplare Cristo crocifisso per avere la forza di andare oltre le difficoltà»... Leggi tutto

 
MESSAGGIO DEL PAPA PER LA GIORNATA MONDIALE DELLA PACE 2012 PDF Stampa E-mail
Martedì 03 Gennaio 2012 22:57

“EDUCARE I GIOVANI ALLA GIUSTIZIA E ALLA PACE”

“Cari giovani, voi siete un dono prezioso per la società”. È quanto scrive Benedetto XVI, nel messaggio per la Giornata mondiale della pace. La parte finale del testo è un appello diretto ai giovani: “Non lasciatevi prendere dallo scoraggiamento di fronte alle difficoltà e non abbandonatevi a false soluzioni, che spesso si presentano come la via più facile per superare i problemi. Non abbiate paura di impegnarvi, di affrontare la fatica e il sacrificio, di scegliere le vie che richiedono fedeltà e costanza, umiltà e dedizione. Vivete con fiducia la vostra giovinezza e quei profondi desideri che provate di felicità, di verità, di bellezza e di amore vero! Vivete intensamente questa stagione della vita così ricca e piena di entusiasmo”. E ancora: “Siate coscienti di essere voi stessi di esempio e di stimolo per gli adulti, e lo sarete quanto più vi sforzate di superare le ingiustizie e la corruzione, quanto più desiderate un futuro migliore e vi impegnate a costruirlo. Siate consapevoli delle vostre potenzialità e non chiudetevi mai in voi stessi, ma sappiate lavorare per un futuro più luminoso per tutti”. “Non siete mai soli”, garantisce il Papa: “La Chiesa ha fiducia in voi, vi segue, vi incoraggia e desidera offrirvi quanto ha di più prezioso: la possibilità di alzare gli occhi a Dio, di incontrare Gesù Cristo, Colui che è la giustizia e la pace”.

Ultimo aggiornamento Martedì 03 Gennaio 2012 22:57
Leggi tutto...
 
Il bene della Famiglia PDF Stampa E-mail
Ci stiamo preparando al S.Natale nel quale celebreremo il mistero centrale della nostra fede: “Dio si è fatto uomo” nella famiglia di Nazaret. E’ questo l’evento della nostra storia che ci chiama a riscoprire la bellezza e la bontà della famiglia.
Perché la famiglia è un bene?
Prima di tutto perché nella famiglia si rispecchia quella realtà che sta al fondamento della nostra esistenza: l’AMORE di DIO. L’uomo e la donna sono creati ad immagine di Dio che è amore e sono chiamati a portare nel mondo, attraverso il loro amore, la vita stessa di Dio.
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 3